Spedizioni GRATIS a partire da € 150 in Italia
0

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello

QUANDO SI USA IL SEGGIOLONE PER LA PAPPA?

07/02/2022

QUANDO SI USA IL SEGGIOLONE PER LA PAPPA?

Il passaggio al seggiolone è una tappa fondamentale nella crescita del bambino: un momento topico. Non esistono, come molti credono, delle regole fisse in questo ambito poiché ogni bambino ha i suoi tempi e le sue esigenze.
In commercio vi sono moltissimi seggioloni diversi che con la loro struttura assecondano il passaggio dalla sdraietta al seggiolone, abituando per gradi il piccolo.
Vi sono però una serie di quesiti fondamentali che occupano la mente dei neo-genitori: ci servirà il seggiolone? Da che età si può usare? Che funzionalità ha?Vediamo qui di seguito di rispondere a tutte queste domande e di conoscere meglio questi strumenti che costituiscono un passo fondamentale nella vita dei piccoli.

 

Il seggiolone serve?

La risposta a questa prima domanda è: sì! Ogni bambino ha la necessità di essere introdotto all’uso del seggiolone, imparando così a rimanere seduto in maniera del tutto autonoma.
Una volta che si decide di avvicinare il bambino all’utilizzo del seggiolone non bisogna accelerare i tempi: ogni bebè ha i suoi tempi e non è facile per loro abituarsi alla nuova posizione.
Stare seduti trasmette loro un senso di chiusura rispetto alla sdraietta che gli consentiva qualunque tipo di movimento. Per cui il passaggio al seggiolone deve essere fatto gradualmente rispettando le tempistiche del piccolo.


Da che età si può usare?

Tendenzialmente per iniziare questo processo graduale bisognerebbe aspettare il periodo dello svezzamento, quinti intorno ai 6 mesi.

A quell’età solitamente i bebè sono pronti per poter passare al seggiolone, ma sul mercato esistono molti modelli di seggiolone che permettono di iniziare questo processo anche molto prima.
Parliamo di seggioloni totalmente reclinabili e ben imbottiti che si prestano perfettamente per abituare il piccolo alle nuove posizioni, sempre in maniera graduale.
E’ possibile cominciare con alcuni minuti al giorno per poi andare ad aumentare il tempo, accompagnando il tutto con qualche giocattolo che lo distragga, magari subito prima della pappa.
Si consiglia di tenere il bebè nel seggiolone con lo schienale basso nei primi sei mesi, mentre dal quinto/sesto mese è possibile sollevarlo abituandolo a stare seduto.

 

Come scegliere il seggiolone 

Per acquistare il giusto seggiolone è necessario consultare le indicazioni riportate nell’etichetta del prodotto e nelle caratteristiche che si trovano anche online.

Chi vuole acquistare un seggiolone, con la funzione Sdraietta da usare sin dai primi mesi di vita, dovrebbe puntare sulla dicitura da 0 a 36 mesi.

E’ questo il caso, ad esempio, del nuovissimo Seggiolone linea ICON con chiusura compatta di Cam, che consente l’ utilizzo in modalità orizzontale fino ai 5/6 mesi per poi diventare un vero e proprio seggiolone in grado di abituare progressivamente il bebè a stare seduto.
E’ importante scegliere un seggiolone non troppo grande, ben imbottito e reclinabile in modo da consentire al piccolo una certa comodità.

L’ergonomia e la comodità devono essere fattori assolutamente centrali nella scelta del seggiolone più adatto al vostro bebè, seppure i fattori principali, come sempre quando si tratta di strumenti per i più piccini, sono la solidità e la sicurezza.



 

La fretta è cattiva consigliera

Per questo delicato passaggio è bene munirsi di pazienza. Il piccolo potrebbe essere nervoso le prime volte che starà seduto sul seggiolone e non gradire molto la nuova posizione; anche se solitamente molti bimbi lo accettano volentieri.
Quando inizierà ad essere a suo agio si potrà iniziare a dargli da mangiare. Provare a dargli da mangiare quando il piccolo si sente ancora a disagio risulterà piuttosto inutile.
Non bisogna bruciare le tappe e aspettare che si adatti alla nuova posizione prima di dargli il cibo. Così come non è una buona idea forzare il bambino a stare in posizione seduta quando ancora non è pronto.
Anticipare di qualche mese un processo naturale non porterà a nessun giovamento ed anzi potrebbe andare a far sforzare la parte inferiore della schiena del bebè che si incurverà e non riuscirà, in questa posizione, a muovere le gambe come vorrebbe.
E’ necessario osservare con attenzione il piccolo ed impedire che prenda delle posizioni scomode o che vadano a creare problemi specialmente alla colonna vertebrale.
Nei primi mesi di utilizzo del seggiolone è sempre una buona idea, subito prima di mettere il bebè in posizione seduta, di lasciarlo a lungo in posizione orizzontale, magari su un piano rigido reso morbido da coperte o cuscini.

#seggiolone #sdraietta #cam #icon